Insight rileva i suoi tre più grandi terremoti su Marte

Il lander InSight della NASA ha recentemente rilevato i suoi tre "tremori di Marte" più forti fino ad oggi, fornendo potenzialmente agli scienziati un'immagine ancora più chiara dell'interno del Pianeta Rosso.

La missione americana InSight, atterrata nel novembre 2018 sul lato ovest di una distesa lavica chiamata Elysium Planitia, a livello dell'equatore marziano, mira a rilevare le minuscole onde sismiche che attraversano gli strati inferiori del Pianeta Rosso. Decrittografati, questi dati consentono ai ricercatori di saperne di più sulla sua composizione interna. Ricordiamo che non ha placche tettoniche come la Terra. D'altra parte, offre regioni sismicamente attive in grado di causare brontolii.

Sul posto, Insight ha già rilevato più di 500 di questi terremoti. Fino a poco tempo fa, i due più grandi terremoti registrati erano di magnitudo 3.6 e 3.5, entrambi innescati da Cerberus Fossae, che concentra una serie di faglie semiparallele. Il 7 e il 18 marzo sono stati rilevati anche altri due terremoti di magnitudo 3.3 e 3.1 provenienti dalla stessa regione. Queste rilevazioni suggeriscono quindi che Cerberus Fossae sia un importante centro di attività sismica, ma ovviamente non è l'unico.

Insight rileva i suoi tre più grandi terremoti su Marte

Tre grandi terremoti

Il 25 agosto, secondo quanto riferito, Insight ha individuato terremoti di magnitudo 4.2 e 4.1 , quindi ha rilevato un altro terremoto di magnitudo 4.2 il 18 settembre, mentre il lander celebrava il suo 1000° giorno marziano.

Il team di InSight sta ancora studiando questo ultimo terremoto, ma gli eventi del 25 agosto sono stati in parte caratterizzati. Quella di magnitudo 4.2 proveniva in particolare da una regione situata a circa 8.500 chilometri da InSight (molto oltre Cerberus Fossae, situata a circa 1.600 km dal lander). È il terremoto più distante che il lander abbia mai rilevato, hanno detto i funzionari della NASA.

L'epicentro di questo terremoto, tuttavia, è ancora incerto. "Una possibilità particolarmente intrigante sarebbe Valles Marineris, l'epico sistema di canyon che disegna l'equatore marziano" , hanno scritto i ricercatori mercoledì. "Il centro approssimativo di questo sistema di canyon è a 9.700 km da InSight . "

Da parte sua, la scossa di magnitudo 4.1 del 25 agosto si è verificata molto più vicino al lander, a circa 925 km .

Inoltre, e con sorpresa degli scienziati, anche i terremoti del 25 agosto si sono differenziati. Quella di magnitudo 4.2 sarebbe stata dominata da vibrazioni lente a bassa frequenza, mentre vibrazioni rapide ad alta frequenza caratterizzavano quella di magnitudo 4.1. Questa è una buona notizia per i sismologi. Infatti, la registrazione di diversi tipi di onde sismiche potrebbe fornire maggiori informazioni sulla struttura interna del pianeta.

In questo senso, sono già stati compiuti progressi significativi. Alcuni mesi fa, la NASA si è affidata alla missione per disegnare una prima mappa della struttura interna di Marte valutando i cambiamenti di velocità e direzione di queste onde durante la loro dispersione sul pianeta.

Posta un commento

Nuova Vecchia

Pubblicità